STORIA DEL LEONE D’ORO

                                                             STORIA DEL LEONE D’ORO 

Il simbolo di Venezia e della Repubblica Serenissima è il leone alato, ma forse non tutti sanno che esso è la raffigurazione simbolica dell’evangelista San Marco, la cui salma fu portata a Venezia da due mercanti veneziani da Alessandria d’Egitto.  

Il leone alato di solito è rappresentato con un’aureola, una spada e un libro sotto la zampa anteriore destra. Nell’iconografia cristiana il leone simboleggia la forza della parola dell’Evangelista, le ali l’elevazione spirituale, l’aureola la santità.

Rassegna nata nel 1932. Precedentemente, fino al 1942, il massimo riconoscimento era la Coppa Mussolini che veniva assegnata doppiamente sia per il miglior film italiano che per il miglior film straniero.

Il prestigioso riconoscimento è noto come Gran Premio Internazionale di Venezia dal 1947 al 1948 e come Leone di San Marco fino al 1953.

Solo l’anno successivo, il 1954, diventa Leone d’Oro riassumendo in un aggettivo lo spessore del suo quid e l’intento di promuovere la continua e armoniosa espressione di tutte le arti.

Dal 2007 e’ stato istituito il Comitato del Gran Premio Internazionale di Venezia la cui presidenza è stata affidata al dott. Sileno Candelaresi fino al mese di Dicembre 2018, perchè ha portato onore e prestigio sia per l’ottima organizzazione delle manifestazioni che per il livello dei personaggi premiati. Lo stesso è anche il Titolare dei marchi con licenza d’uso.

Dal 1 Gennaio 2019 è stato nominato all’unanimità Presidente del Gran Premio Internazionale di Venezia l’Avvocato Leopoldo Lombardi mentre il dott. Sileno Candelaresi è stato nominato Presidente dell’Ordine del Leone d’Oro.

Dal 2007 all’interno del Gran Premio internazionale di Venezia è stato istituito il Leone d’Oro alla Carriera dedicato all’editoria, imprenditoria, musica, danza, sport, comunicazione , a produttori di successo, nonché a tutti gli artisti nazionali ed internazionali.

E’ stato istituito per tutti i giovani emergenti una scuola di arte varia denominata ‘Accademia del Leone d’Oro” istituendo le sezioni: Ballo, Recitazione, Regia.

I Vincitori artisti emergenti di ogni sezione selezionati attraverso il concorso ‘Saranno Numeri Uno’ vengono premiati con il Leone d’Argento.

Per la sezione Canto invece è stata anche istituita la ‘Mostra Internazionale di Musica Leggera’ e il Giovane Vincitore riceverà la prestigiosa e ambita ‘Gondola D’argento’. Alla stessa manifestazione verrà data la Gondola d’oro ad un personaggio che per meriti professionali ha avuto successo a livello nazionale od internazionale nella sua lunga carriera.

Dal 1 Gennaio 2017 è stato istituito il ‘Leone d’oro Per La Pace’ in collaborazione con la Fondazione Foedus il cui Presidente è il Senatore Mario Baccini già Ministro della Funzione Pubblica e Vice Presidente del Senato della Repubblica Italiana. A questo proposito Venerdi 31 Marzo 2017 alle ore 10.00 si è tenuta la prima conferenza stampa presso la Camera dei Deputati ‘sala della lupa’ a Montecitorio dove sono state mostrate le pergamene di Ambasciatore della pace nel mondo per L’On. Mario Baccini, il maestro Leo Gullotta, il Maestro Detto Mariano, il MaestroTony Renis, il dott. Silvio Berlusconi e il dott. Bruno Vespa. Venerdi 21 luglio 2017 alle ore 10.00 si è tenuta la conferenza stampa ‘Leone D’oro per L’imprenditoria’ presso la Camera dei Deputati ‘Sala Refettorio’ a Montecitorio dove per l’occasione sono state rilasciate pergamene alle Miglior Aziende d’Italia in Nomination per il Gran Premio Internazionale di Venezia.